Mare in menopausa: tutti i motivi per cui fa bene

Estate, tempo di vacanze. C’è chi sceglie visite alle città d’arte, chi il relax in campagna. Ma la vera sfida, da sempre, si gioca su due luoghi: mare o montagna?

Altitudine e fresco o sole e brezza marina? Passeggiate nel verde o camminate sulla battigia? I benefici sono moltissimi in entrambi i casi, ma secondo i medici c’è più di un elemento che – almeno nel caso delle donne in menopausa – fa pendere decisamente l’ago della bilancia verso il mare.

Tanto sole contro l’osteoporosi

Che il sole sia nemico dell’osteoporosi è un dato certo: i suoi raggi attivano la vitamina D, quella che favorisce l’assorbimento del calcio da parte dell’organismo. I medici sconsigliano naturalmente di esporsi ai raggi diretti del sole nelle ore più calde della giornata e senza adeguata protezione, ma con le dovute accortezze suggeriscono di esporre viso e braccia alla luce solare per almeno 30 minuti al giorno per godere al meglio degli effetti benefici sulla pelle e le ossa.

Il sole ha anche un’altra proprietà: stimola il rilascio della serotonina, una molecola comunemente definita “l’ormone della felicità” grazie ai suoi effetti antidepressivi sull’organismo. Ecco perché esporsi al sole può avere anche un effetto positivo sull’umore e la psiche.

Acqua del mare per drenare i liquidi

Se passeggiare aiuta la circolazione e distende i nervi, farlo in riva al mare aumenta immensamente tutti i benefici del movimento fisico. Non solo la passeggiata in acqua stimola la circolazione, il drenaggio dei liquidi e l’irrobustimento del tono muscolare, ma consente una migliore distribuzione del peso corporeo durante l’attività fisica: l’acqua infatti sostiene il peso del corpo, consentendo di muoversi senza gravare sulle articolazioni. Ecco perché acqua-gym e hydro-bike sono attività estremamente consigliate alle donne in menopausa durante tutto l’anno.

Sabbia per le articolazioni

Le sabbiature (anche conosciute come psammoterapia) sono uno dei rimedi naturali che sopravvivono al tempo e alle generazioni: da sempre conosciute per le loro proprietà benefiche sulle articolazioni, le sabbiature sono consigliatissime dai medici in caso di dolori reumatici. La sabbia ha infatti il potere di cedere calore al corpo senza ustionarlo, rilasciando anche sali minerali utili alle ossa. La sudorazione che ne consegue naturalmente, infine, elimina infine tossine nocive al corpo.

La sabbia ha anche un altro potere: quello esfoliante. Per questo in molti la utilizzano come peeling naturale, mescolandola all’acqua e facendo piccoli massaggi sulla pelle per rimuovere le cellule morte del corpo e lasciare spazio a una pelle più fresca.

Aria di mare per respirare bene

Da sempre i medici indicano nel mare un rimedio naturale contro le malattie dell’apparato respiratorio per grandi e piccini: per indicarla si parla di climatoterapia marina o – in termini più generici –  talassoterapia. Il motivo del suo successo è innegabile: il mare libera con il movimento delle onde una serie di sali minerali indispensabili all’organismo, sanandone le carenze attraverso l’inalazione. Respirare sulla battigia, in sostanza, può aiutare ad assumere in modo naturale cloruro di sodio, magnesio, iodio e potassio, ossigenando il sangue e regolando la frequenza cardiaca. L’umidità dell’aria di mare induce inoltre un effetto aerosol naturale, favorendo l’inalazione delle varie componenti in modo più profondo.

I benefici del mare sono innegabili, dunque, e per fortuna non limitati alla stagione estiva.  Un’ottima occasione per preparare più spesso la valigia…in direzione della costa.