La terapia ormonale sostitutiva. Miti e realtà

Dr. Alejandra Belardo / Dr Agustina Starvaggi
Ginecologica Sezione Endocrinologia, Ospedale Italiano di Buenos Aires

La terapia ormonale sostitutiva (HRT) prevede, tra le altre indicazioni, la somministrazione di estrogeni (o sostanze con azione simile), per il trattamento di sintomi che si verificano durante la menopausa. E ‘noto che circa il 80% delle donne dopo l’ultimo periodo mestruale, hanno cosiddette “vampate di calore”. Queste rappresentano i sintomi più tipici di questa fase della vita. Sono caratterizzati da un improvviso arrossamento della pelle del viso, del collo e del torace, accompagnate da una sensazione di calore intenso seguito da un abbondante sudorazione indipendente dalla temperatura ambientale. La frequenza con cui compaiono varia da donna a donna e la loro presenza può continuare per diversi anni.

Ci sono anche altri sintomi, come disturbi del sonno, sbalzi d’umore e irritabilità. Sintomi che sono i primi a comparire dopo la mancanza delle mestruazioni, e possono avvenire anche prima della cessazione di queste ultime durante il periodo chiamato perimenopausa (cioè, il periodo precedente LMP).

Più tardi, sintomi come l’incontinenza urinaria (cioè “fuga” urina involontaria), secchezza vaginale (che si verifica quasi il 100% delle donne nel corso del tempo) e la perdita di densità ossea (cioè , il “riempimento” dell’osso). In alcune donne, questa perdita di densità può progredire e può inserirsi in quello che chiamiamo un quadro di osteoporosi. L’osteoporosi aumenta il rischio di fratture, da quelle più comuni (polso) a quella più temuta che di solito avviene dopo i 65 anni, la frattura dell’anca. La transizione verso la menopausa è il periodo della vita delle donne dove si verifica la maggior parte di perdita della densità ossea.

Ci sono molti miti e fatti per quanto riguarda la somministrazione di ormoni. La nostra intenzione in questo articolo è quello di demistificare i malintesi relativi a questo trattamento, e / o chiarire qualsiasi dubbio possa presentarsi nella pratica quotidiana.

Tutte le donne in menopausa devono ricevere un trattamento ormonale?

Non necessariamente. Tuttavia, il trattamento sarebbe indicato in donne con vampate di calore fastidiose, ad alta intensità e frequenza, che alterano la loro qualità di vita. Data la soggettività dei sintomi, come si fa a calcolare l’intensità degli stessi in ufficio? È semplice: attraverso un registro della quantità e qualità delle vampate di calore (le cosiddette “vampate di calore giornaliere”). Ci sono altre indicazioni specifiche per la terapia ormonale, come i pazienti ad alto rischio di osteoporosi. In queste ultime, la terapia ormonale migliora significativamente la densità ossea prevenendo lo sviluppo di una prematura osteoporosi. D’altra parte, le pazienti con menopausa avanzata (prima dei 45 anni), pur non avendo nessun sintomo, hanno l’indicazione della terapia ormonale per prevenire problemi di natura ossea e cardiovascolare. In questi casi, il trattamento dura fino all’età media della menopausa (circa 50 anni). In breve, una donna che ha la sua menopausa dopo i 45 anni, senza sintomi o ad alto rischio di osteoporosi, non dovrebbe ricevere la terapia sostitutiva.

Solo le donne in menopausa possono riceverla?

No. Come detto in precedenza, anche le donne in perimenopausa (fase che precede la menopausa), che generalmente inizia con mestruazioni irregolari, possono avere (anche saltuariamente) questi sintomi. In questi casi la terapia si adatta alle loro necessità.

Se sono già vicino alla menopausa, non ho alcun rischio di gravidanza?

Falso, la contraccezione deve essere utilizzata fino a un anno dopo l’ultimo periodo mestruale. Se le donne hanno anche alcuni sintomi della menopausa, possono essere utilizzati contraccettivi ormonali perché migliorano i sintomi, regolarizzano il ciclo e proteggono la donna da una gravidanza indesiderata.

Posso prendere gli ormoni a tempo indeterminato?

No. La durata del trattamento ormonale deve essere mantenuta, finché i benefici superano i rischi. Il trattamento deve comunque essere prescritto da un medico, che ne valuta i rischi e i benefici.
Oltre alle vampate, la terapia ormonale è efficace per gli altri sintomi legati alla menopausa?
Sì, è efficace per il resto dei sintomi che accompagnano la menopausa, nonché per la prevenzione della perdita ossea associata alla menopausa come precedentemente indicato. Quando vi sono marcati sintomi di secchezza vaginale, la terapia ormonale sostitutiva locale (in forma di creme e ovuli) è la migliore alternativa.

Quali donne non possono ricevere un trattamento ormonale?

E’ controindicato nelle donne con una storia di cancro al seno e all’utero (più precisamente, dell’endometrio), con trombosi (formazione di coaguli di sangue), con malattie epatiche o renali, con ictus; anche nelle donne con ipertensione non controllata; e altre situazioni in cui, si indica con cautela, come i calcoli biliari o l’emicrania. Inutile dire che le donne, dopo un attento controllo clinico e ginecologico quotidiano possono essere sottoposte a questo trattamento. E’ importante evidenziare che una storia familiare di cancro al seno non controindica l’uso di ormoni purché la paziente abbia una mammografia aggiornata e gli esami generali nella norma.

Ci sono alternative non ormonali per il sollievo dei sintomi?

Sì, ci sono. All’interno di questo gruppo, le alternative “naturali” sono: per primi i fitoestrogeni. I più noti sono comunemente gli isoflavoni che si trovano abitualmente nella soia e nel trifoglio rosso; altri nel cohosh nero, una pianta della famiglia delle ranunculaceae. Le sue radici sono state utilizzate in medicina dagli indiani d’America per il suo potere analgesico, sedativo e anti-infiammatorio. Oggi è principalmente usato per trattare le vampate di calore associate alla menopausa.
All’interno delle alternative farmacologiche esiste la combinazione Beta alanina / oxazepam. La Beta alanina è un aminoacido che agisce diminuendo la dilatazione dei vasi, e, quindi, riduce il rossore e il calore; l’ oxazepam , invece, è un sedativo che agisce sul sistema nervoso centrale. Infine si usano anche alcuni antidepressivi come venlafaxina e escitalopram, utili anche per gravi vampate di calore.

E’ vero che il trattamento ormonale può “svegliare” il cancro?

Questo concetto è falso. Quando il trattamento è prescritto a una donna sana, che non ha condizioni di salute tale che le impediscono di ricevere il farmaco, con controlli clinici e ginecologici aggiornati, sotto la supervisione del medico, non bisogna avere paura di prenderlo. Anzi, al contrario, i farmaci aiutano a migliorare la qualità della vita in questa fase biologica della donna, e hanno molteplici vantaggi.

Qual è la terapia ormonale?

In menopausa si verificano fondamentalmente la riduzione o la scomparsa di due tipi di ormoni: gli estrogeni e il progesterone. Il trattamento consiste nel sostituire, con i farmaci, gli stessi per evitare gli effetti che della loro perdita. Ci sono molti tipi di estrogeni disponibili che possono essere ricevuti in diversi modi: in forma di compresse, cerotti, gel e ovuli. Ciascuno di questi prodotti ha i suoi vantaggi e svantaggi.

E sicuramente vi chiederete: come prendere le medicine? Ci sono diversi schemi elencati in base alle caratteristiche di ogni donna, della sua età, la sua storia, il tempo che è passato da quando ha avuto l’ultimo periodo mestruale, la sua volontà di continuare ad avere le mestruazioni o no, ecc. Questa è una decisione che la donna deve prendere in accordo con il suo medico, valutando tutte le possibili alternative.

In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva è uno degli elementi che migliorano la qualità della vita durante la menopausa. Idealmente deve essere accompagnato da un cambiamento nello stile di vita, come evitare di fumare, ridurre il consumo di alcol, fare una dieta sana e per ultimo, ma non ultimo, fare un’adeguata attività fisica che aumenta notevolmente la sensazione di benessere. Molto utile è anche il riconoscimento di situazioni che innescano vampate di calore, e l’uso di abiti leggeri. Ricordate che la somministrazione di ormoni è sicura fintanto che è controllata da un medico.

Vi incoraggiamo a passare questa fase della vostra vita con felicità, il motto è “godere” la menopausa piuttosto che “patirla”!!!